In primo piano

21-01-2019 - Nuova versione del modulo di controllo Interessi Passivi dall'anno 2018



Nell'ambito della piattaforma "Desktop Telematico" è disponibile, per le applicazioni "Entratel" e "File Internet", all'interno della categoria Controlli comunicazioni da Operatori finanziari, commerciali e assicurazioni la versione 1.0.1 del 21/01/2019 relativa al modulo Interessi Passivi dall'anno 2018 (codice fornitura: MIP00).

Nella versione attuale sono state apportate le seguenti modifiche:

  • corretto bug che causava l'interruzione inaspettata del controllo, in caso di inserimento di una stringa vuota nel campo numerico "Ammontare delle penali e costi non detraibili versati";
  • reso non bloccante l'errore di mancanza di proporzionalità, rispetto alla percentuale di cointestazione, degli importi rispettivamente dei campi 19, 20 e 21 con i campi 14 e 15 e 16 (con una tolleranza del +/- 1%);
  • aggiunto controllo bloccante nel caso in cui la somma delle rate, degli interessi e oneri, delle penali versati dai singoli cointestatari (campi 19, 20 e 21 del record 2) non sia uguale (con una tolleranza calcolata in base al numero dei cointestatari per eventuali problemi di arrotondamento) all'ammontare delle rate, degli interessi e delle penali versati complessivamente dai cointestatari, rispettivamente indicati nei campi 14, 15 e 16 del record 2;
  • corretto bug per il quale il programma segnalava errore nel caso di accollo in cui l'ammontare totale delle rate, degli interessi o delle penali fossero indicati con importi diversi nei record relativi ai soggetti cedenti e accollanti;
  • aggiunto controllo bloccante nel caso di ammontare originario del mutuo non coincidente su tutti i record con lo stesso id mutuo.

Qualora il modulo di controllo risulti già installato all'interno della piattaforma "Desktop Telematico" non sarà necessario provvedere ad alcun aggiornamento in quanto il modulo di controllo si aggiornerà automaticamente all'interno della piattaforma nel momento in cui questa verrà avviata.

Si consiglia, comunque, di verificare l'avvenuto aggiornamento utilizzando le funzionalità proprie del "Desktop Telematico".

Il modulo di controllo potrebbe subire ulteriori variazioni fino alla pubblicazione del Provvedimento, quindi non può considerarsi definitivo. Con successivo avviso sarà comunicata l'apertura del canale telematico.